Un’insolita “canzone” addormenta col suono del russare

Hits: 121

Quante volte sarà capitato di girarci e rigirarci nel letto senza riuscire a prendere sonno, magari perché il nostro partner russava continuamente e non c’era verso di farlo smettere. Alzi la mano chi non ha mai provato a girare su un lato il proprio compagno di letto, con la speranza di mettere fine a quella tortura e all’odioso concertino notturno.

Eppure c’è qualcuno che crede nel potere tranquillizzante di questo rumore tanto odiato e ne ha addirittura fatto una canzone.

Ricordate Simon Webbe, il cantante dei Blue – la famosa boy band inglese dei primi anni 2000? Sì, proprio lui. In collaborazione con Aubrey Whitfield e PlayOJO è stato creato un curioso singolo: un minuto e 40 secondi in una combinazione del classico rumore del russare con una melodia lenta, basse frequenze e un ritmo di basso lento e ripetitivo. Tutto ciò dovrebbe risultare in un conseguente rilassamento con abbassamento della frequenza cardiaca e respiratoria. Con una ridotta attività cerebrale si crea l’ambiente perfetto per un bel sonno rigenerante.

Si chiama Snored to sleep la canzone che ti cullerà e ti farà cadere in un sonno profondo.

Ed ecco che la Snorechestra, che nel linguaggio comune indica un insieme di individui intenti a russare nella stessa stanza, ci può aiutare non solo a dormire ma anche a superare l’avversione per l’antipatico rumore. Anche perché il tutto è a scopo benefico. Un concertino niente male.

Infatti tutti i proventi della canzone saranno devoluti a Hope2Sleep – un ente benefico che si batte contro i problemi di salute legati al sonno, tra i quali anche l’apnea del sonno.

Simon Webbe ha dichiarato che non avrebbe mai pensato che una sua russata potesse finire su una traccia: “C’è una prima volta per tutto! A dire il vero, però, è bello poter fare qualcosa di così positivo utilizzando un problema che può causare problemi di salute per alcune persone – siamo qui per aiutare, e forse anche per far sì che il russare aiuti le persone a dormire meglio“.

Aubrey Whitfield, famosa artista e produttrice musicale britannica, ha vissuto l’esperienza come una bella sfida, ma anche come un esperimento divertente e interessante soprattutto nelle parti da mixare e assemblare con varie tecniche di fusione.

Chi l’avrebbe mai detto che il russare, quel fastidioso rumore causa di imbarazzi e litigi di coppia, si sarebbe trasformato in una “melodia” capace addirittura di far addormentare?

Sembra strano e i dubbi sull’efficacia di tale metodo sono più che legittimi ma tanto vale provare. Che c’è da perdere? Se non dovesse funzionare, almeno potremo dire di averci provato.

Qui su YouTube potete vedere la presentazione, il dietro le quinte del singolo e la nascita della loro Snorechestra

La traccia è disponibile per il download e lo streaming, al solo costo di 59p, che verranno devoluti in beneficenza a Hope2Sleep, su:

Itunes

Spotify

Google Play-Apple Music

Deezer