Salute

Un gigantesco fungo di 2500 anni potrebbe darci la cura per il cancro

I ricercatori hanno appena scoperto che un fungo gigante coperto 25 anni fa in una foresta nella penisola superiore del Michigan è cresciuto ulteriormente, e di tanto, e alcuni ritengono che  il segreto della sua fenomenale crescita potrebbe aprire interessanti prospettive per la cura dei tumori. Lo studio è stato pubblicato su Phys.org .

Quando fu scoperto per la prima volta, il fungo, un esemplare di Armillaria gallica (noto anche come un fungo del miele), copriva circa 15 ettari. Quando è stato riesaminato di recente, il fungo si era espanso su oltre 70 ettari. I ricercatori pensano che questo enorme fungo sia molto più vecchio di quanto precedentemente stimato e la nuova stima dell’età si aggira sui 2.500 anni.

Considero queste stime come il limite inferiore“, ha spiegato James B. Anderson, professore emerito di biologia presso l’Università di Toronto, Mississauga, che ha scoperto il fungo.

Un indizio per la ricerca sul cancro?

Anderson era curioso di sapere come questo singolo fungo sia sopravvissuto così a lungo, per cui prelevò e conservò dei campioni di tessuto del fungo per poter confrontare nel tempo le mutazioni a livello di genoma e capire come le sue mutazioni cellulari si accumulavano nel tempo. Ciò che trovò fu notevole. Il tasso di mutazione era così basso che anche le mutazioni che si verificano più di frequente “non hanno un grande impatto sulla forma fisica dell’organismo o sul suo aspetto“, ha detto. “Ci deve essere un meccanismo attraverso il quale il fungo si protegge dalle mutazioni“.

Questo adattamento è particolarmente interessante perché potrebbe offrire nuovi spunti per gli studi sulla crescita delle cellule tumorali.

Sebbene i ricercatori stiano ancora studiando come questo fungo abbia evitato mutazioni dannose, credono che possa possedere un meccanismo attraverso il quale localizza le mutazioni in aree in cui non causano molti danni. Il prossimo passo sarà esaminare i meccanismi del DNA per confrontare la loro stabilità con ciò che accade all’interno delle cellule tumorali, che sono altamente instabili.

Il cancro è instabile, provoca mutazioni molto rapide ed è soggetto a cambiamenti genomici, mentre A. gallica è un organismo molto persistente con poche mutazioni“.

L’A. gallica, come la maggior parte dei funghi, produce funghi sopra la terra, ma queste crescite sulla superficie sono solo una frazione di ciò che sta crescendo sotto. Gran parte dell’organismo è composta da una rete di viticci sotterranei chiamati micelio, che si diramano alla ricerca di nuove fonti di cibo. È così che a volte possono crescere fino a dimensioni così grandi. In effetti, il più grande fungo conosciuto al mondo, un Armillaria ostoyae scoperto in Oregon, copre un’area di circa 925 acri.

I funghi ci hanno già regalato gli antibiotici; sarebbe notevole se ora ci dessero anche la cura per il cancro. Dovremo solo aspettare e vedere cosa scopriranno i ricercatori.

Related Post

1 Comment

  1. […] Le balene, le sequoie e gli elefanti sono tutti molto grandi ma non sono il più grande organismo vivente sul pianeta. Quel titolo, quando si guarda alle dimensioni, va al fungo Armillaria Ostoyae. […]

Comments are closed.