luglio 2019 il più caldo di sempre

Secondo i climatologi, questo luglio sta per diventare il più caldo della storia registrata

Ambiente Attualità

Secondo i climatologi, luglio è sulla buona strada per diventare il mese più caldo della storia registrata, dopo che le ondate di calore hanno colpito il Nord America e l’Artico e in questo finale di mese anche l’europa meridionale e occidentale, tutti posti dove le temperature sono risultate più elevate della media storica per questo mese.

Anche con più di una settimana alla fine del mese, molti esperti già sostengono che questo luglio 2019 batterà ilr ecord finora detenuto dal luglio del 2017.

“Ci sono molte probabilità che questo luglio risulterà il più caldo di sempre”, ha dichiarato Brian Brettschneider, climatologo dell’University of Alaska di Fairbanks (In questo caso, “sempre” significa da quando iniziò la registrazione delle temperature secondo il metodo moderno nel 1880).

Nel luglio 2017 le temperature globali medie nel mese di luglio furono registrate in 15,54 gradi Celsius, superiori alla media del 20° secolo per luglio di 14,34 gradi Celsius, secondo la National Oceanic and Atmospher Administration, che raccoglie i dati climatici e tiene traccia dei record delle temperature. Si prevede che questo luglio superi di poco le temperature medie di due anni fa, affermano gli scienziati che studiano i modelli climatici.

Certo, non lo sapremo fino a quando non saranno disponibili tutti i dati, ma al momento ci sono tutte le premesse per battere quel record“, ha dichiarato Jack Williams, direttore del Center for Climatic Research dell’Università del Wisconsin-Madison .

Dozzine di scienziati del clima hanno fatto eco alla previsione su Twitter.

Luglio è il mese più caldo dell’anno a livello globale. Se questo luglio si rivelerà il luglio più caldo, sarà il mese più caldo che abbiamo misurato sulla Terra!” ha twittato Michael Mann, climatologo della Pennsylvania State University, il 15 luglio.

Mann ha definito il nuovo record “probabile“, dicendo che ora c’è una “possibilità maggiore del 50%” che il mese stabilisca un nuovo record di temperatura elevata.

Quest’estate è stata molto calda per gran parte del mondo, con l’Europa che ha sofferto di un’intensa ondata di calore a fine giugno che ha visto le temperature più alte mai registrate in Francia.

Lo scorso fine settimana, circa 169 milioni di persone negli Stati Uniti sono state allertate dal caldo a causa delle temperature in città come New York City; Little Rock, Arkansas; e Memphis, TennesseeE questa settimana, un’altra ondata di calore dovrebbe colpire parti dell’Europa occidentale.

È abbastanza normale che nell’emisfero settentrionale le temperature siano calde nei mesi di giugno e luglio, ma Williams ha puntualizzato che il caldo da record di questa estate è tutt’altro che normale.

Il sistema climatico si sta stravolgendo“, ha detto Williams, “Le ondate di calore di oggi saranno i normali eventi di domani“.

Mann ha affermato che le recenti tendenze delle temperature dimostrano il profondo impatto dei cambiamenti climatici sul pianeta.

Fa parte di un preoccupante modello di eventi anomali che, come abbiamo dimostrato, non si sarebbero verificati in assenza di cambiamenti climatici“, ha detto Mann. “Questa è solo un’ulteriore conferma, insieme all’ondata di eventi meteorologici estremi senza precedenti che abbiamo visto negli ultimi anni, del fatto che l’impatto dei cambiamenti climatici sta estremizzando gli eventi. Tra poco saranno la normalità”.

Secondo molti scienziati, sarebbero le attività umane – principalmente le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili – ad immettere nell’atmosfera anidride carbonica e altri gas serra che intrappolano il calore. L’aumento delle emissioni di gas serra è associato a temperature globali più calde della superficie; i 10 anni più caldi del pianeta registrati sono tutti caduti negli ultimi due decenni, secondo Climate Central.

Ci sono fluttuazioni interne nel sistema climatico che fanno rimbalzare metaforicamente l’ago di anno in anno, ma la tendenza è inconfondibile“, ha detto Brettschneider.

A meno che non vengano adottate misure significative per contenere le emissioni di gas a effetto serra, gli scienziati si aspettano che i record di temperatura continueranno a crollare. Gli scienziati affermano che le temperature globali potrebbero aumentare di almeno 3,6 gradi Fahrenheit in questo secolo, creando condizioni sulla Terra che non si verificavano più da oltre 2 milioni di anni.

Condizioni climatiche equivalenti più vicine a noi si verificarono nel Pliocene, quando i livelli del mare erano più alti di molti metri e il mondo era molto più caldo“, ha spiegato Williams. “In quell’epoca non era ancora cominciata l’evoluzione umana. Parte delle preoccupazioni derivano proprio da fatto che stiamo andando verso stati climatici che non conosciamo, né come esperienza sociale né come esperienza di specie“.

L’attuale anno più caldo mai registrato è stato il 2016, quando un modello climatico naturalmente ricorrente noto come El Niño ha contribuito in parte a creare condizioni più calde del solito. Finora, quest’anno, il periodo da gennaio a giugno,sta ricalcando il 2017, il secondo anno più caldo mai registrato, secondo il NOAA.

Per Williams, le temperature record aggiungono urgenza agli sforzi per suonare l’allarme sui cambiamenti climatici.

“È difficile essere un climatologo e vedere le tendenze verso cui stiamo andando senza cercare di aumentare la consapevolezza della gente”, ha detto Williams. “Sembra una battaglia in salita. Allo stesso tempo, penso che questo sia il problema decisivo della mia generazione, ed è una lotta e una conversazione che vale la pena avere. È un lavoro importante, quindi continuiamo a farlo“.