Attualità

Perchè la Francia sta protestando

Ecco alcuni numeri che spiegano perché la Francia è scoppiata.

La Francia, come altri paesi occidentali, ha visto crescere un profondo divario tra i suoi cittadini più ricchi e quelli più poveri.

L’ 1 per cento più ricco della Francia rappresenta oltre il 20 percento della ricchezza del paese. Tuttavia, il reddito medio mensile disponibile è di circa 1.700 euro, ovvero $ 1.930, il che significa che almeno la metà dei lavoratori francesi è pagata meno della media.

Molti manifestanti della stanno protestando a causa della difficoltà a pagare l’affitto, sfamare le loro famiglie e ad arrivare a fine mese perché i costi della vita, in particolare i prezzi dei carburanti, continuano a salire mentre i loro redditi familiari si muovono a malapena.

Non è sempre stato così.

I livelli di vita e le retribuzioni salirono in Francia dopo la seconda guerra mondiale durante un periodo di crescita di 30 anni noto come “Les Trente Glorieuses“. Gli utili salariali per i percettori di reddito medio-basso continuarono nei primi anni ’80, grazie agli accordi collettivi sindacali.

Ma quelle dinamiche furono frenate negli anni successivi dai governi francesi di sinistra che hanno cercato di migliorare la competitività comprimendo i guadagni salariali, come spiega l’economista francese Thomas Piketty. Dagli anni ’90, I redditi medi per i percettori di reddito medio-basso sono rimasti stagnanti, crescendo di circa l’1 percento all’anno o meno.

I lavoratori francesi stanno ancora meglio di quelli in Italia, dove la crescita dei salari reali è stata negativa dal 2016. I salari reali sono diminuiti dell’1,1 per cento tra il quarto trimestre del 2016 e il 2017, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Ma mentre aumentano i salari orari effettivi in ​​Francia, la crescita è arrivata lentamente, ancor più dalla fine della crisi del debito dell’eurozona nel 2012.

La Francia è la terza più grande economia in Europa dopo la Gran Bretagna e la Germania, e il sesto più grande del mondo prima di adeguarsi all’inflazione. I visitatori di Parigi possono pensare che lo sfarzo della capitale francese significhi che il resto della nazione è altrettanto benestante.

Ma la crescita economica francese è stata stagnante per quasi un decennio durante la lunga crisi del debito in Europa e solo di recente ha iniziato a migliorare.

La qualità della ripresa è stata irregolare. Un gran numero di posti di lavoro permanenti sono stati spazzati via, specialmente nelle aree rurali e ex-industriali. E molti dei nuovi posti di lavoro creati sono precari contratti temporanei.

La crescita è la chiave per migliorare le condizioni di lavoro per coloro che stanno protestando. Ma mentre la nascente ripresa economica ha contribuito a generare nuovi posti di lavoro prima che entrasse in carica il signor Macron, la crescita è rallentata con un ritmo annuale dell’1,8 per cento, abbinata con il rallentamento dell’economia nel resto dell’eurozona.

Disoccupazione oltre il 9 per cento

Il rallentamento della crescita rende più difficile risolvere un altro problema francese: il gran numero di persone senza lavoro.

La disoccupazione in Francia è bloccata tra il 9 e l’11% dal 2009, quando la crisi del debito ha colpito l’Europa. La disoccupazione è tornata al 9,1 per cento oggi, dal 10,1 per cento di quando è stato eletto il signor Macron. Ma è ancora più del doppio del livello in Germania.

Il signor Macron ha promesso di abbassare la disoccupazione al 7% entro le prossime elezioni presidenziali del 2022, e ha riconosciuto che un fallimento in tal senso potrebbe alimentare le fiamme del populismo.

Ma per riuscirci, l’economia dovrebbe crescere almeno dell’1,7 percento in ciascuno dei prossimi quattro anni, il che non è affatto certo, secondo l’Osservatorio economico francese, un gruppo di ricerca indipendente.

Il signor Macron ha cercato di rianimare l’economia francese.

Quest’anno, ha proposto una revisione aggressiva del rigido codice del lavoro della nazione per aiutare i datori di lavoro a stabilire le regole in materia di assunzioni e licenziamenti e ad aggirare i vincoli di vecchia data che scoraggiano i datori di lavoro dall’assumere nuovi lavoratori. Le nuove disposizioni, inoltre, limitano la capacità dei sindacati di ritardare il cambiamento, consentendo la negoziazione di singoli accordi a livello aziendale o industriale tra capi e lavoratori.

Quelle riforme hanno aiutato a portare società come Facebook e Google in Francia. Ma potrebbero volerci anni perchè i risultati di queste riforme arrivino alla classe media. Riforme di questo tenore hanno fatto arrabbiare i lavoratori, soprattutto perché li hanno spogliati dei diritti conquistati nello scorso secolo durante le lotte sindacali a tutto vantaggio delle grandi aziende e degli affaristi.

3,2 miliardi di taglio delle tasse per i ricchi

Come parte del suo piano per stimolare l’economia, Macron ha tagliato le tasse per i contribuenti più ricchi della Francia durante il suo primo anno di mandato, creando anche una tassa fissa per i redditi da capitale.

Ma il fulcro del pacchetto fiscale, e quello che ha attirato la maggiore ira dei manifestanti, è stato nell’abolizione della tassa sul patrimonio che si applicava a molti beni delle famiglie più ricche della Francia, sostituendola con una che si applica solo alle proprietà immobiliari.

Ciò ha comportato un minor gettito fiscale per quest’anno di 3,2 miliardi di euro, ovvero 3,6 miliardi di dollari. In qualche modo, alcuni segnali di stimolo all’economia si sono visti, ma il signor Macron si è guadagnato la reputazione di favorire i ricchi, una delle maggiori fonti di protesta tra i manifestanti dei gilet gialli.

È anche vero che i percettori di alti redditi hanno goduto di agevolazioni fiscali mentre il potere d’acquisto del 5% elle famiglie è sceso pesantemente lo scorso anno, mentre la maggioranza della classe media non ha visto alcun miglioramento del proprio potere d’acquisto, secondo l’Osservatorio Economico francese.

Anche prima che i Gilet gialli scendessero nelle strade, Macron si era conto che il suo sostegno stava calando e ha tentato di correggere la rotta con la legge di bilancio del 2019, presentata a ottobre, che programma di concedere riduzioni il prossimo anno del valore di 6 miliardi di euro per i lavoratori a medio e basso reddito. Include inoltre una riduzione del costo del lavoro e altre imposte professionali per 18,8 miliardi di euro per incoraggiare le assunzioni e gli investimenti.

I sondaggi mostrano che i giubbotti gialli hanno il sostegno di tre quarti della popolazione.

Eppure, la Francia protegge i cittadini con una delle più generose reti di sicurezza sociale del mondo, con oltre un terzo del suo reddito economico speso per la protezione del benessere, più di qualsiasi altro paese in Europa. Nel 2016, la Francia ha speso circa 715 miliardi di euro in assistenza sanitaria, sussidi familiari e disoccupazione, tra gli altri aiuti.

Per ottenere quell’aiuto, i lavoratori francesi pagano alcune delle imposte più alte in Europa.

Mentre le tasse sono maggiori per i percettori di reddito superiore, la Francia ha anche un’imposta sul valore aggiunto del 20 percento sulla maggior parte dei beni e servizi. Insieme alla tassa sul carburante che il governo del signor Macron ha appena promesso di sopprimere temporaneamente, tali misure tendono a colòire le classi meno abbienti, mentre le classi ricche ne vengono appena sfiorate.

C’è anche da ricordare che la Francia è fatta di alcune grandi città, dove stanno la gran parte delle classi agiate, ma che la gran parte della popolazione a reddito medio basso vive in aree rurali, dove l’aumento delle imposte colpisce pesantemente i cittadini.

Fonte: The New York Times

Related Post