L’Alano: Origini, tipologia, descrizione, caratteristiche e curiosità

L'Alano è una razza canina di taglia grande, caratteristica che gli ha conferito il nome di gigante buono, presenta molta eleganza, una spiccata intelligenza e un ottima capacità di apprendimento, inoltre, è molto apprezzato per la guardia e come cane da compagnia, vista la sua innata sensibilità e la sua totale mancanza di aggressività.

0
160

L’Alano è una razza canina di taglia grande che presenta molta eleganza, una spiccata intelligenza e un ottima capacità di apprendimento. È una razza molto apprezzata per la guardia, per la caccia e come cane da compagnia, vista la sua innata sensibilità e la sua totale mancanza di aggressività. In questo articolo illustreremo tutto quello che ci sta da sapere su questo gigante buono.

Origini e tipologia

L’Alano, molto spesso definito con l’appellativo di “gigante buono”, è un’antichissima razza di cane, che secondo alcuni storici risalirebbe al 3000 a. C., periodo in cui sono stati ritrovate alcune raffigurazioni di questa razza sui monumenti egizi. Mentre il letteratura la prima descrizione di un cane assomigliante a questa razza è stata rinvenuta su alcuni scritti cinesi risalenti al 1121 a. C..

Gli studiosi sostengono che l’Alano tedesco, definito anche con il nome “l’Apollo dei cani”, derivi da incroci avvenuti durante l’importazione di grandi esemplari e dell’Irish Wolfhound, noti come levrieri, da parte dei commercianti Fenici, che solcavano il Mediterraneo scambiando della merce rara come alcuni grandi molossoidi.

Molti studiosi invece fanno risalire le origini della razza direttamente ai tempi dell’Antica Grecia, più precisamente nel 407, quando parte dell’Europa fu invasa dal popolo degli Alani, che avevano al seguito dei massicci cani mastini. Invece, un’altra teoria molto accreditata su questa razza è che sia addirittura originaria dall’antico Iran, dove il popolo nomade degli “Alaunt”, ossia gli Alani, migrando verso l’Europa centrale, condussero nel loro viaggio questi molossi che vennero chiamati proprio Alani.

Questa razza è riuscita a conservare la vocazione belligerante fino al tardo Medioevo, momento in cui venne scoperta la loro grande attitudine alla caccia, sopratutto con i cinghiali. Questa loro capacità ha portato i loro proprietari ad utilizzarli generalmente nel periodo di muta e con le orecchie tagliate, per evitare che venissero feriti dalle prede. Alcuni studiosi sostengono che l’alano sia stato incrociato con il levriero per migliorarne le doti di caccia, visto che questo utilizzo prevedeva molta agilità e velocità per riuscire a stancare la preda.

L’Alano con passare degli anni venne sempre più apprezzato e utilizzato per le sue qualità di cane da guardia e difesa personale, doti che sono giunte intatte fino ad oggi, ma non solo. Infatti, questa razza è sempre stata molto amata per la tipologia di pelo corto, nonostante gli comporti una vita all’interno di un’abitazione, e per il suo aspetto particolarmente bello ed elegante, che lo ha fatto diventare, nel periodo del Rinascimento, un cane di moda nella nobiltà europea.

La Germania rimase così affascinata da questa razza da cominciare una rigorosa selezione, attraverso l’incrocio dei mastini con i levrieri irlandesi. Da qui nacque quello che oggi conosciamo come alano, che all’epoca prese il nome di tedesco nel territorio della Germania, mentre in quello inglese fu definito danese, nonostante non avesse niente a che fare con la Danimarca. Infatti, l’alano è conosciuto, nonostante abbia origini tedesche, anche con il nome di Gran Danese, probabilmente per la sua notevole diffusione in Danimarca. Fu solo nel 1920, successivamente alla prima guerra mondiale, che fu utilizzato soltanto il nome di alano tedesco, attualmente definito solamente come alano.

Un gruppo di allevatori a Berlino, subito dopo il 1920, decise di catalogare questa razza sotto il nome di Deutsche Dogge, ossia Mastino Tedesco insieme a molti altri cani molto simili provenienti dalle regioni sud occidentali della Germania. Lo standard delle razza dell’alano fu redatto per la prima volta nel 1888, quando venne fondato il Deutsche Doggen Club, mentre in Italia il nome alano venne adottato ufficialmente nel 1920.

Il nuovo standard della razza in vigore dal 2001 ha inserito la nuova disposizione in merito alle orecchie ,che dovranno essere “naturalmente ricadenti“, per questo motivo non potranno più essere tagliate.

ALANO FULVO cuccioli | Vendita Cucciolo di Alano a Viterbo

Descrizione e caratteristiche

Nell’Alano, l’aspetto esteriore è la prima e più evidente espressione del suo carattere. La sua mole è quella tipica del cane da guardia, e il suo latrato tonante lo sottolinea.

L’Alano è un cane di grande mole che presenta una corporatura potente e armoniosa. Pur essendo un cane di grande taglia, non è massiccio e tozzo, ma al contrario, è snello e slanciato. Un maschio adulto di questa razza raggiunge un’altezza di 80-90 cm e un peso che varia dai 65 agli 80 kg, mentre le femmine presentano un’altezza di 72-84 cm con un peso di 55-65 kg.

La testa risulta molto armoniosa e proporzionata con il resto del corpo, con profili netti e molto espressivi, e con un tartufo ben sviluppato. Gli occhi di forma ovale generalmente sono di colore scuro e sono di media grandezza, e hanno un’espressione molto intelligente e amichevole.

Il pelo è cortissimo e molto fitto, liscio, lucente e ben aderente al corpo. Questa razza è caratterizzata da molte varianti di colore tra cui troviamo:

L’Alano Fulvo che presenta un pelo con una colorazione che varia dal giallo oro chiaro al giallo oro scuro. In questa tipologia sono ammesse anche piccole macchie ai piedi o al petto, nonostante comporti una purezza inferiore dell’esemplare.

L’Alano Tigrato che ha la base del pelo dei colori dell’Alano Fulvo, ma presenta striature nere, il più regolari possibile, che seguono l’andamento delle costole e sono ben disegnate. Come per la tipologia fulva sono indesiderate piccole macchie bianche al petto ed ai piedi.

dog Dane (alano) | Animali, Animali domestici, Cucciolo di alano

L’Alano Arlecchino Bianco e Nero che ha alla base del pelo un colore bianco puro, il più possibile privo di moschettature, con macchie di colore nero lacca, di dimensioni varie e ben ripartite su tutta la superficie del corpo. Le macchie parzialmente grigie o brune sono ammesse ma non indesiderate.

L’Alano Nero, che presenta un pelo di colore nero lacca, ammette delle macchie bianche. Sono giudicati assieme agli Alani Neri anche gli Alani Tiger, che possiedono il colore nero sul tronco come un mantello, mentre muso, collo, petto, ventre e punta della coda possono essere bianchi, e gli Alani Platten, che hanno un pelo bianco con grandi macchie nere e una testa completamente nera.

L’Alano Blu che possiede un pelo blu acciaio, con piccole macchie bianche ammesse al petto ed ai piedi.

Questa razza è dotata di una bontà istintiva, possiede un carattere molto equilibrato e docile, e risulta molto affettuosa e socievole. L’Alano è un cane che si affeziona molto ai suoi proprietari, con i quali instaura un rapporto quasi morboso, una caratteristica che lo porta ad avere continuamente bisogno di affetto e di vicinanza e a tollerare male la solitudine.

L’Alano si affeziona in modo viscerale ai bambini, con i quali è molto dolce e protettivo, ma considerando la sua mole, occorre una certa attenzione se questi sono particolarmente piccoli. Invece, questa razza rimane molto riservata con gli estranei

Alano blu cuccioli In Vendita Rieti

L’Alano non è sicuramente un cane per persone sedentarie, infatti ha bisogno di molto esercizio fisico quotidiano, di giocare e di lunghe passeggiate.

L’educazione dell’Alano non è particolarmente difficile, essendo molto intelligente e rapido nell’apprendimento, ma è consigliato impartirgli delle regole ferree sin da cucciolo, che gli permetteranno di non diventare troppo invadente e di gestire la sua mole, evitando così di creare problemi. L’Alano è un cane molto sensibile per questo motivo ha bisogno di un approccio dolce, fermo e sicuro.

Questa razza non è l’ideale per i fanatici della pulizia per via della muta, della bava e della sua mole, che può accidentalmente provocare molti danni. L’Alano è soprattutto un cane da compagnia, risulta poco incline agli sbalzi d’umore, e tollera di buon grado gli altri cani e persino i gatti.

Curiosità

L’Alano è tra le razze più usate nel cinema, tra queste troviamo il film “Quattro bassotti per un danese” della Disney, dove Brutus, ossia il protagonista, era proprio un Alano, il “mitico Gaetano” l’Alano che affiancava Renato Pozzetto, il quale era cosi affezionato tanto da portare il suo cane mentre recitava sul set, come ne “La casa stregata” e in altri suoi film, tra cui troviamo “Grandi Magazzini” in una scena assolutamente memorabile e in “Ricchi ricchissimi…praticamente in mutande”.

Grandi Magazzini - "io il cane mica ho paura che m'inculi eh, ho ...

L’Alano è stato anche inserito nella grande letteratura ne “Il Gattopardo” di Tomasi di Lampedusa dove Bendicò è un alano, e nei fumetti in cui veste i panni di “Sansone”, e per ultimo nei cartoni animati con il famosissimo “Scooby Doo”, di cui sono stati tratti anche dei film.

L’Alano in origine fu selezionato per la caccia agli orsi, condizione che gli ha comportato la sua possente mole.

Questa razza è stata definita “l’apollo dei cani” per via della sua estrema bellezza e della sua discendenza che risale ai tempi degli antichi romani.

Un esemplare di Alano di nome Zeus ha posseduto il Guinness World Record per il cane più alto del mondo, con un altezza di 111.76 cm, su quattro zampe, mentre su quelle posteriori raggiungeva i 225.55 cm.