Curiosità

La mania collettiva del Black Friday

È arrivato anche da noi, già da qualche anno, il famoso Black Friday (venerdì nero) che in America ricorre successivamente al Giorno del Ringraziamento. E noi ci siamo lasciati trascinare da questa usanza americana che  apre le porte alla stagione degli acquisti soprattutto in vista dei regali di Natale.

Questo particolare venerdì non è una giornata festiva, ma viene celebrata come tale anche se, al contrario, ha un carattere puramente commerciale. Si tratta di un giorno di grandi sconti e promozioni presentate come imperdibili e irripetibili da parte delle grandi catene di negozi e attività commerciali. In occasione di queste super offerte tanti esercizi osservano un orario continuato o prolungato.

La nascita

Il venerdì nero si diffonde negli anni ‘80 negli Stati Uniti e pian piano vengono contagiati anche gli altri Paesi americani ed europei.  Non si ha certezza sul perché si chiami Black Friday, si ipotizza che derivi dal colore della penna usata dai negozianti per compilare il registro della contabilità, dove il nero indicava le entrate e il rosso le uscite.

Il boom e gli effetti sulla collettività

Presupponendo grandi introiti, i proprietari delle attività  lanciata una vera e propria campagna promozionale pubblicizzata in modo martellante ovunque, con tanto di conto alla rovescia che esorta prepotentemente i consumatori a  non perdere le preziose occasioni rese possibili solo in quella giornata.

Assicurando che non si tratta di scarti di magazzino e che la merce è davvero ribassata come non mai, le aziende prospettano grandi guadagni da una sola giornata. Il Black Friday ha preso piede non solo negli e-commerce online, ma anche nei grandi centri commerciali e catene.

Solo per oggi, sconti da capogiro, pezzi limitati,offerte imperdibili, edizioni limitate: sono tutti slogan che rimbombano nella nostra testa settimane prima di questo evento.

  

Psicologicamente questa strategia predispone e favorisce gli acquisti, danno un impulso e incoraggiano i consumatori a spendere pensando che questo sia il momento migliore di tutto l’anno. E allora l’attesa si fa dura, tutti ad aspettare il famoso Black Friday per darsi alla pazza gioia.

Nottate passate davanti ai negozi in attesa dell’apertura mattutina per non rischiare di farsi soffiare l’affare da qualcuno arrivato prima, code lunghe e interminabili, caccia all’ultimo capo rimasto, azzuffate tra consumatori che si contendono la merce, scene di follia che negli USA hanno portato a risse con conseguenti arresti… Sono tutte cose che, insieme alle offerte, ci ha portato il Black Friday. Fortunatamente in Italia, non sono state registrati disordini del genere, almeno finora.

E la strategia funziona davvero: il fenomeno è stato oggetto di attenzione da parte degli analisti di finanza ed economia che hanno esaminato i dati statistici di spesa e di consumi durante questo periodo, rilevando importanti influenze sui consumatori.

Occhio allo shopping compulsivo e alle false offerte

È facile lasciarsi trasportare dall’ondata coinvolgente del famoso venerdì nero. La tendenza a comprare di tutto e di più solo perché ultra scontato, è dietro l’angolo. Ecco qualche piccolo consiglio per affrontare al meglio il venerdì dello shopping:

  • Comprare solo ciò che serve, evitando acquisti superflui ed inutili.
  • Se possibile, nei giorni precedenti verificare i prezzi reali di partenza in modo da poterli confrontare con quelli ribassati del venerdì.
  • Se si acquista online, scegliere siti affidabili e certificati.
  • Qualche perplessità davanti a uno sconto esagerato, è più che lecita.

Detto ciò, buono shopping a tutti!

Non solo Black Friday

E come se non bastasse, a seguire ci aspetta il Cyber Monday, il lunedì delle offerte su prodotti elettronici, in particolare nel mondo online per tutti gli amanti della tecnologia e per quelli che, malauguratamente, non hanno fatto in tempo a godere del Black Friday.

Fonti:

www.itespresso.it

www.wikipedia.org

Related Post

Cristiana Pinna

Ci sono anch'io! Mi chiamo Cristiana, 34 anni di origini sarde :) ho alle spalle studi classici e linguistici ma quel che anima la mia vita è la curiosità. Sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, da sperimentare e scoprire. Mi piace creare ricette, comporre oggetti e adoro i miti e i misteri. Seguitemi nel mio affascinante mondo!