In Australia stanno tornando in libertà i primi koala salvati dagli incendi

0
14
Tornano in libertà i primi Koala salvati dagli incendi

L’Australia, come il resto del mondo, sta affrontando la pandemia provocata dal nuovo coronavirus, ma dalla Terra dei Canguri ci arriva finalmente una buona notizia: i primi koala salvati dagli incendi che hanno devastato il territorio australiano negli ultimi mesi del 2019 sono stati rilasciati in natura.

L’anno scorso, durante la terribile crisi provocata dagli enormi incendi boschivi che hanno devastato il loro habitat, molti Koala furono salvati grazie all’intervento di vigili del fuoco e tanti volontari, ma la loro specie ha comunque subito una gravissima perdita in termini numerici. I koala salvati sono stati inizialmente introdotti in giardini zoologici e in ospedali per gli animali.

La stagione degli incendi boschivi in Australia è ufficialmente terminata il 31 marzo ed ora i soccorritori stanno rimettendo in libertà i koala, posizionandoli in alcuni casi nei luoghi stessi da dove provenivano.

I koala sopravvissuti ritornano a vivere nel loro habitat naturale •
I primi koala sono stati rilasciati dall’organizzazione per la conservazione di Sydney, la Science for Wildlife. Il gruppo no profit il 25 e il 27 marzo, ha rimesso in libertà nel loro habitat naturale 12 koala.

Questi koala erano stati messi in salvo a dicembre dello scorso anno, e successivamente erano stati affidati al personale dello zoo di Taronga a Sydney.

La dott.ssa Kellie Leigh, direttrice esecutiva di Science for Wildlife, ha spiegato che “I koala hanno affrontato molto bene tutte le terapie a cui sono stati sottoposti, e adesso siamo lieti di poterli far ritornare alle loro dimore. Prima di liberarli abbiamo esaminato le aree distrutte dagli incendi da cui erano stati prelevati, così da poter stabilire se le condizioni dell’habitat erano migliorate a tal punto da consentire agli animali il sostentamento. Le recenti piogge hanno consentito una nuova crescita delle piante di cui si nutrono i koala, quindi adesso è il momento giusto per farli tornare in libertà. I koala saranno monitorati tramite chip radio cosi da essere sicuri del loro stato di salute”.

Lunedì 23 e mercoledì 25 marzo, attraverso il supporto dello zoo di San Diego, gli S4W sono stati entusiasti di restituire tutti i nostri koala al loro habitat naturale, situato sulle Blue Mountains. Questi marsupiali sono stati salvati dal devastante mega-incendio che è divampato nella zona nel dicembre del 2019. I koala sono stati messi in sicurezza, curati e nutriti dal fantastico staff del Taronga Zoo Sydney, insieme al gruppo Science for Wildlife.

I koala, oltre che nella zona delle Blue Mountains, sono stati rilasciati anche in altri parti del Nuovo Galles del Sud, lo stato in cui si trova Sidney.

Il personale e i volontari del Port Macquarie Koala Hospital, con la sede situata a quattro ore di auto a nord di Sidney, il 2 aprile hanno rilasciato in libertà nel suo habitat naturale il loro primo koala. L’esemplare di quattro anni di nome Anwen è stato messo in salvo ad ottobre dello scorso anno, e sarà il primo, dei 26 koala tratti in salvo, ad essere rilasciato in libertà nei prossimi giorni dall’ospedale per animali.

I koala rimasti nell’ospedale saranno suddivisi in tre gruppi, per poi essere riportati nel loro habitat naturali a Crowdy Bay, a sud di Port Macquarie, e in due aree della Riserva Naturale del Lago Innes.

L’ospedale Koala di Port Macquarie si è anche preso cura dei koala di Taree, di Blue Mountains e del Hawkesbury. L’ospedale ha informato in una nota che i koala saranno tutti restituiti agli habitat naturali in cui vivevano.

Uno dei koala in cura all’ospedale Port Macquarie Koala

L’ultima stagione degli incendi boschivi in ​​Australia ha purtroppo quasi raddoppiato le emissioni di gas serra del paese e, a causa dell’immenso danno, il paese ha dovuto cambiare le regole del suo programma, il Working Holiday Visa,  per consentire ai britannici di partecipare al volontariato in aree devastate dagli incendi, per poter cosi ottenere un visto per i prossimi anni.