Salute

Il deodorante favorisce il cancro al seno? La risposta dell’AIRC

Hits: 54

L’uso del deodorante, per ovvi motivi, in estate si rende necessario ed ogni anno puntualmente gira voce che possa favorire il cancro al seno. Colpa di sostanze chimiche quali alluminio (sali d’alluminio), parabeni, noti interferenti endocrini, dalla presunta azione cancerogena o colpa dell’azione antitraspirante di molti di questi prodotti che impedirebbe all’organismo di eliminare correttamente le tossine attraverso il sudore. Ma quanto c’è di vero in queste affermazioni? L’uso quotidiano del deodorante può davvero favorire il cancro al seno? La risposta giunge dagli esperti dell’AIRC.

Nessuna prova scientifica a supporto della pericolosità dei deodoranti

A detta degli esperti allo stato attuale non vi sarebbe alcuna prova scientifica consistente sull’effettiva pericolosità dei deodoranti. Per quanto riguarda i sali d’alluminio, sostanze antitraspiranti che evitano l’effetto “ascella pezzata”, nel sito anti-fake newsdottoremaeveroche“, della Federazione nazionale degli Ordini dei medici si legge che: “attualmente non esistono prove che dimostrino che l’alluminio contenuto nei deodoranti possa raggiungere le ghiandole mammarie in quantità significative“. Ed ancora l’AIRC, la Fondazione per la ricerca sul cancro sottolinea che: La quantità di metallo che raggiunge la mammella attraverso il cibo è molto più elevata di quella che lo fa attraverso la cute. Di conseguenza gli esperti ritengono che non vi sia, allo stato attuale delle ricerche, alcun legame concreto tra alluminio nei deodoranti e cancro del seno”.

I deodoranti fanno venire il cancro al seno? No, è una fake-news

L’argomento parabeni divide le opinioni e del resto sono molte le aziende che per precauzione preferiscono non utilizzarli nella formulazione dei propri prodotti, specificandone l’assenza sulla confezione. L’allarme a tal proposito fu lanciato nel 2004 quando uno studio mise in evidenza la presenza di parabeni in 20 campioni di tessuto di tumore del seno. Da ciò si dedusse che tali sostanze potrebbero essere” cancerogene. Tuttavia anche negli studi successivi una vera relazione causa/effetto non è stata mai del tutto dimostrata.

Perché i tumori del seno sono vicino all’ascella?

Vero è che la maggior parte dei tumori coinvolge i linfonodi dell’ascella, come mai? L’AIRC ha una risposta anche a tale quesito: “Il quarto superiore esterno della mammella è la sede più frequente dei carcinomi mammari solo perché è la parte più voluminosa della ghiandola e non perché è contigua ai linfonodi ascellari”. Dunque niente paura, usiamo pure i deodoranti per tenere alla larga i cattivi odori (d’estate non usarli potrebbe provocare vittime), insieme ad un semplice lavarsi. Magari scegliamo formulazioni delicate prive di sali d’alluminio (cloridrato di alluminio) o parabeni (metil-, etil-, propil-, butil-, isobutil- e benzilparabene), basta leggere l’INCI.

Anna Elisa Catanese
Dott.ssa in "Scienze e tecniche erboristiche", ma anche cantante di musica leggera e creatrice di bijoux. Scrivo di salute e benessere a 360°, sul mio blog Benessere e salute: notizie e curiosità e per il sito di Blasting news, per il quale gestisco il canale tematico Corretta alimentazione https://it.blastingnews.com/news/tag/corretta-alimentazione/
https://www.xn--benessereesalutenotizieecuriosit-pvc.com/