Il cane da montagna dei Pirenei: Origini, tipologia, descrizione, caratteristiche e curiosità

Il cane da montagna dei Pirenei è una delle razze canine più grandi al mondo, ma non solo, è anche una delle più antiche e nobili della storia. Andiamo alla sua scoperta.

Origini e tipologia

Il cane da montagna dei Pirenei, noto anche come patou, è una razza canina dalle origini francesi, che da alcuni anni sta suscitando un crescente interesse.

La razza discende direttamente dai cani che accompagnarono le popolazioni asiatiche quando si stabilirono sulle montagne che dividono la penisola iberica dall’attuale Francia, circa mille anni prima di Cristo. Il cane da montagna dei Pirenei è stato compagno da secoli dei pastori baschi, che vivevano nei pressi dei Pirenei francesi e della Spagna, per la precisione in Navarra e in Aragona.

Di questa razza sono stati trovati svariati resti fossili risalenti all’età del bronzo, retrodatabili quindi al periodo dal 1000 al 1800 a.C.

La Federazione Cinologica Internazionale (FCI) inserisce questa tipologia di razza nel gruppo 2, ossia nei cani di tipo molossoidi e cani bovari svizzeri, quella a cui appartengono, per esempio, il mastino napoletano, il san bernardo, il terranova e molti altri.

Il cane da montagna dei Pirenei non deve essere confuso né con il mastino dei Pirenei che appartenente allo stesso gruppo, e nemmeno con il pastore dei Pirenei, che invece appartenente al gruppo 1, ossia quello dei cani da pastore.

Cane da Montagna dei Pirenei | best5.it

Varrone, autore romano, descriveva il cane da montagna dei Pirenei nel suo “De re rustica”, in cui parla della sua testa forte, delle sue orecchie morbide e lunghe, del suo collo corto e largo e del colore bianco del suo pelo, una caratteristica particolarmente apprezzata, perché rendeva l’animale facile da distinguere anche durante la notte.

Il cane da montagna dei Pirenei, tradizionalmente veniva utilizzato come guardiano dei greggi sul versante francese della catena montuosa, da cui prende origine il suo nome. Questa razza è presente su queste montagne da tempo immemorabile, e le sue origini si mescolano con quelle di altre razze che appartengono al gruppo dei cosiddetti grandi cani bianchi, come ad esempio i pastori maremmani e i pastori abruzzesi, discendenti dei molossoidi arrivati nel vecchio continente dai paesi orientali.

Il cane da montagna dei Pirenei ha sempre avuto molto successo, fin dalla sua introduzione in Europa, dopo l’arrivo dall’Asia Centrale. Tra i suoi antenati c’è anche il Dogo del Tibet, uno dei “grandi padri” dei cani del vecchio continente.

Il cane da montagna dei Pirenei è anche presente in un testo risalente al XIV sec, “Le livre de la chasse”, di G. Phoebus che narra di questa razza descrivendolo come un efficiente guardiano.

La razza, qualche secolo più tardi, diventerà la favorita dai nobili francesi che lo utilizzeranno come guardiano delle proprie ricche residenze. Infatti, il cane da montagna dei Pirenei, era già molto apprezzato come cane da compagnia dal XVII° secolo, ed ebbe il suo momento di gloria alla corte di Luigi XIV.

Cane da montagna dei Pirenei: carattere, salute, allevamenti e ...

La prima descrizione dettagliata di questa razza risale però al 1897 nel libro del Conte di Bylandt. Dieci anni più tardi saranno fondati i primi club di razza, e nel 1923 la Réunion des Amateurs de Chiens Pyrénéens, su iniziativa di Bernard Sènac-Lagrange, lo farà registrare nello standard ufficiale alla S.C.C. La tipologia che possiamo vedere attualmente è rimasta molto simile al suo predecessore, infatti, sono molte poche le differenze che si sono aggiunte col tempo e che si possono distinguere tra di loro.

Il cane da montagna dei Pirenei oggi è una razza dall’indole portata naturalmente alla guardia e alla protezione, aggressivo solo con i predatori che minacciano il suo gregge.

Descrizione e caratteristiche

Il cane da montagna dei Pirenei nonostante sia un cane di taglia grande, ha un aspetto e una camminata sempre molto eleganti. La razza presenta un’altezza nel cane maschio che va dai 70 agli 80 cm, mentre le femmine misurano dai 65 ai 72 cm. Il peso può arrivare fino ai 60 kg nei maschi, mentre le femmine raramente superano i 45 kg.

Il tartufo è nero e molto grande, le orecchie sono piccole e triangolari, mentre il collo è abbastanza corto. Gli occhi del cane da montagna dei Pirenei sono di colore bruno ambrato, piccoli e molto dolci, che donano a loro uno sguardo molto tenero che piace molto ai bambini, con cui amano giocare. La coda è lunga e nel complesso il corpo è molto muscoloso.

Il pelo tipicamente e di colore bianco, ma in alcuni casi può presentare delle macchie grigie, essere di colore giallo molto chiaro, color arancio o presentare la colorazione del lupo sulla testa, sulle orecchie e sulla coda. Lo strato superiore è costituito da un pelo lungo, ruvido, liscio o leggermente ondulato e il sottopelo è fine, morbido e molto folto.

Great Pyrenees | Pirenei, Cani

Nell’arco di un anno questo cane raggiunge già le dimensioni di un adulto, crescendo molto in fretta, quindi è considerato adulto già a questa età, ma possono volerci fino a 2 anni per raggiungere la totale maturità.

Nonostante il cane da montagna dei Pirenei possegga una grande mole, ama anche rilassarsi. Non è una razza molto vivace, a meno che non debba svolgere il suo compito. Riesce a proteggere la famiglia e le sue proprietà, mostrando una grande fedeltà, e il rispetto e l’affetto che possiede sono proverbiali, così come il suo coraggio.

Questo cane non prova mai paura e non si tira mai indietro quando è il caso di intervenire, caratteristica che lo mette tra le migliori razze di cani da guardia. Di certo non è un cane da crescere in casa, viste le sue dimensioni, ed è una razza che ha bisogno del suo spazio all’esterno dove vive molto tranquillamente, adattandosi facilmente a qualsiasi condizione climatica. Il cane da montagna dei Pirenei tende ad abbaiare quando nota degli estranei, anche al di fuori del cancello, quindi valutate bene se è il caso di allevarlo se vivete in una zona molto popolata.

Il cane da montagna dei Pirenei come molti cani da pastore, necessita di un’educazione ferma, ma non troppo autoritaria, è una razza portata ad agire in piena autonomia, disobbedendo di fronte ad un padrone dal polso debole. Nello stesso tempo non tollera un padrone aggressivo.

Il Cane da Montagna dei Pirenei: guardiano forte, dolce e equilibrato

Evitate di tenerlo legato alla catena e abituatelo da piccolo al guinzaglio. Fatelo socializzare da subito con altri cani, per evitare che diventi troppo aggressivo con i suoi simili.

Se non disponete di una zona recintata, rischiate di vederlo gironzolare da solo, avventurandosi anche in posti lontani. Per questo sarebbe opportuno delimitare il giardino e fare in modo che comprenda che quello è il suo territorio.

Il vostro compito sarà quello di assicurargli una cuccia abbastanza grande e spaziosa dove poter stare in piedi e fare un giro completo su se stesso. Scegliete un luogo riparato e assicuratevi che abbia sempre la ciotola dell’acqua piena.

Curiosità

Il cane da montagna dei Pirenei è un grande colosso dal cuore d’oro, ed è stato il “Belle” della storia di “Belle e Sebastien”.

Un tempo questa razza veniva dotata di collare con dei grossi spuntoni di metallo, che servivano per proteggere il cane dai morsi dei lupi in alta montagna.