Dal 2021 la plastica monouso sarà vietata in Canada

0
1
Il Canada vieta alcune tipologie di plastica monouso a partire dal 2021

In Canada il primo ministro Justin Trudeau, ha annunciato che vieterà le materie plastiche “dannose” monouso a partire dal 2021 nel tentativo di ridurre i rifiuti oceanici. Questa iniziativa prende spunto dalla legislazione approvata l’anno scorso dall’Unione Europea e da altre nazioni. Il Canada stabilirà inoltre degli obiettiviche le aziende che fabbricano o vendono materie plastiche dovranno raggiungere, per limitare la produzione dei rifiuti di plastica. Attualmente meno del 10% della plastica utilizzata in Canada viene riciclata.

Trudeau ha definito la questione dell’inquinamento da plastica una sfida globale. Le Nazioni Unite a maggio hanno dichiarato che 180 paesi hanno raggiunto un accordo per ridurre la quantità di plastica che purtroppo finisce negli oceani del mondo danneggiando pesci, tartarughe marine, balene e altri animali selvatici.

Secondo una ricerca del Regno Unito i paesi europei e nordamericani tendono a produrre molti rifiuti di plastica, ma la loro gestione limita di molto l’impatto ambientale che hanno sull’oceano rispetto ad altre regioni.

Il governo canadese deve ancora decidere quali prodotti di plastica monouso saranno inclusi nell’elenco, ma il provvedimento potrebbe riguardare i sacchetti di plastica, le cannucce, le posate, i piatti e i bastoncini. Secondo una stima circa 3 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica vengono gettati via ogni anno nel paese canadese.

“Noi genitori ci troviamo nella condizione che quando portiamo i nostri bambini in spiaggia, dobbiamo cercarne parti che non siano cosparse di cannucce, polistirolo o bottiglie”, ha dichiarato Trudeau. “Questo è un grave problema su cui bisogna intervenire prima possibile”.

L’UE nell’ottobre 2018 ha votato per un divieto totale di una serie di materie plastiche monouso nel tentativo di fermare l’inquinamento degli oceani, con la speranza che entri in vigore in tutti i paesi dell’Unione entro il 2021.

l’elenco comprende posate, piatti, cotton fioc, cannucce, agitatori per bevande e bastoncini per palloncini, ma dovranno venire inseriti anche cose come le vaschette di plastica monouso per contenitori di alimenti e i bicchieri di plastica.

Un grafico mostra quanto tempo impiega la plastica a rompersi: 50 anni per una tazza di caffè, 200 per una lattina di alluminio, 450 anni per un pannolino o una bottiglia di plastica e 600 anni per la lenza.

L’annuncio fatto dal primo ministro canadese anticipa di alcuni mesi le prossime elezioni generali, previste per il prossimo autunno. La sua campagna elettorale punta molto sulla preoccupazione per il cambiamento climatico e l’inquinamento. Purtroppo, in tutto il Canada, un certo numero di comuni ed alcune province hanno recentemente rimandato i vari divieti per le materie plastiche monouso, sopratutto per i sacchetti di plastica. Trudeau ha affermato che una vera soluzione deve essere nazionale.