Senza categoria, Società

CryptoKitties: giocare e guadagnare con i gattini virtuali è così facile?

Ricordate il vecchio gioco del Tamagotchi, il pulcino da nutrire, pulire ed educare virtualmente? Ecco, diciamo che da qualche tempo esiste un gioco che ce lo ricorda tanto: con CryptoKitties possiamo comprare, allevare, far nascere, collezionare e vendere gattini virtuali.

Fin qui, sembra tutto normale. In realtà questo videogioco è un qualcosa di molto più serio.

Pensate che nel 2017 un gatto di nome Genesis è stato venduto addirittura per 246,9255 Ethereum, circa 117,712 dollari corrispondenti in quel periodo.

Sì, perché i gattini -che sono solo virtuali- vengono acquistati e venduti tramite vere e proprie transazioni, non in euro o in dollari ma utilizzando la criptovaluta Ethereum.

In questo modo CyptoKitties si basa sulla tecnologia blockchain, dove le informazioni che vengono condivise dagli utenti sono rese sicuri dalla crittografia.

Questo sistema per le transazioni sta avendo un grande impatto sui mercati finanziari: permettendo a più persone di accedere a un capitale monetario sicuro, queste hanno l’opportunità di essere sempre più attive sul mercato.

Come si gioca

La schermata principale è molto semplice, basta cliccare sul tasto ”Start Meow” per iniziare a giocare e creare l’account.

A questo punto è necessario scaricare l’estensione Metamask dallo store di Google. Con questo plugin possiamo accedere alle transazioni in Ethereum in tutta sicurezza. Avremo quindi un portafogli digitale nel quale depositare i nostri ETH. Ora, il modo più veloce è quello di convertire un po’ di euro in ETH.

NB. Sebbene esistano gli exchange, i centri di scambio online per comprare gli Ethereum, non è consigliabile detenere le valute in questi centri, poichè fragili agli attacchi informatici.

 

Ora, nel Marketplace di Cryptokitties posso cominciare ad acquistare i gattini, accudirli e farli riprodurre. Ogni esemplare è unico nel suo genere, con le caratteristiche trasmesse dai genitori. Ogni 15 minuti viene generato un nuovo gattino pronto ad essere venduto o riallevato. Sta all’utente allevarlo e farlo diventare speciale. Più le caratteristiche sono rare e particolari, più il gattino può crescere in valore ed essere venduto nel Marketplace. Il prezzo non è fisso,ma scende progressivamente finchè un utente non lo acquista.

Conclusioni : per me è un BIG NO

Giocare e allo stesso tempo ricavare un buon profitto è il sogno di molti, ma questo sogno potrebbe trasformarsi in un incubo soprattutto per chi non ha le competenze finanziarie e le conoscenze necessarie per avventurarsi in questo terreno. Sebbene il gioco può risultare divertente ed ha attirato un bacino di utenza finora estraneo a queste attività, non è esente da perdite clamorose. Anzi, non è il modo migliore per investire.

Cryptokitties può sembrare un gioco ma non lo è affatto. Il capitale è a rischio e vedere il nostro patrimonio sgretolarsi in un secondo è molto facile, soprattutto se teniamo conto delle ampie oscillazioni del valore delle criptovalute.

Il rischio di trovarsi con tanti gatti in mano e tanti soldi in meno è dietro l’angolo. Molto meglio il vecchio caro Tamagotchi.

Fonti:

Related Post

Cristiana Pinna

Ci sono anch'io! Mi chiamo Cristiana, 34 anni di origini sarde :) ho alle spalle studi classici e linguistici ma quel che anima la mia vita è la curiosità. Sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, da sperimentare e scoprire. Mi piace creare ricette, comporre oggetti e adoro i miti e i misteri. Seguitemi nel mio affascinante mondo!